KEYBOARD_SHORTCUTS

KS_OPEN_PROJECT_INFO

alt+i

KS_SWITCH_MODE_VIEW

alt+1 / alt+2 / alt+3 ...

KS_CHANGE_PAGE

and

KS_CHANGE_DOC

and

KS_GO_FULLSCREEN

ctrl/cmd+alt+shift+f

KS_OPEN_SEARCH

ctrl/cmd+alt+f

KS_OPEN_PAGE_SELECTOR

alt+p

KS_OPEN_TEXT_SELECTOR

alt+t

KS_OPEN_EDITION_SELECTOR

alt+e

Benvenuti nell'edizione digitale del Codice Pelavicino

Il progetto Codice Pelavicino Digitale nasce nel 2014 su iniziativa di Enrica Salvatori, già da tempo membro di un gruppo ricerca dedicato all’edizione critica del Codice Pelavicino e ora responsabile scientifico del progetto e di una corposa équipe.


Si consiglia di passare alla modalità a schermo intero in modo che tutto lo spazio disponibile sullo schermo venga utilizzato per visualizzare le scansioni e il testo della trascrizione.
NEVER_SHOW_AGAIN
Information about EVT

EVT (Edition Visualization Technology) is a software for creating and browsing digital editions of manuscripts based on text encoded according to the TEI XML schemas and Guidelines. This tool was born as part of the DVB (Digital Vercelli Book) project in order to allow the creation of a digital edition of the Vercelli Book, a parchment codex of the late tenth century, now preserved in the Archivio e Biblioteca Capitolare of Vercelli and regarded as one of the four most important manuscripts of the Anglo-Saxon period as regards the transmission of poetic texts in the Old English language.

To ensure that it will be working on all the most recent web browsers, and for as long as possible on the World Wide Web itself, EVT is built on open and standard web technologies such as HTML, CSS and JavaScript. Specific features, such as the magnifying lens, are entrusted to jQuery plugins, again chosen among the open source and best supported ones to reduce the risk of future incompatibilities. The general architecture of the software, in any case, is modular, so that any component which may cause trouble or turn out to be not completely up to the task can be replaced easily.

For more information about how to use and/or customize EVT please refer to the EVT Manual included in the archive you downloaded, in the "doc" folder.

EVT is used in the following projects:

EVT has a home page in the SourceForge repository, but development is done on Gitlab and Github: if you are interested in learning more about EVT and/or in adapting it to your specific needs please contact the project Director, Roberto Rosselli Del Turco roberto.rossellidelturco@gmail.com.

If you have any suggestions or spot an error/bug please contact us at evt.developers@gmail.com

BIBLIO
AMBROSI 1992: A.C. Ambrosi, Sulla via dei pellegrini in Lunigiana e sul porto di s. Maurizio, in Il pellegrinaggio medievale per Roma e Santiago de Compostela. Itinerari in Val di Magra, Aulla, pp. 33–67. AMBROSI BERTOZZI MANFREDI 1989: A.C. Ambrosi, M. Bertozzi e G. Manfredi, Massa Carrara. Pievi e territorio della Provincia Pisa 1989. AMBROSI CARROZZI 1985: A.C. Ambrosi e F. Carrozzi, Il castello di Moneta, in "Giornale Storico della Lunigiana e del territorio Lucense", n. s., XXXV-XXXVI (1984-1985), pp. 79-130.Annales Placentini Gibellini,in Monumenta Germaniae Historica. Scriptores, XVIII, Hannover 1863, pp. 457-581ASFi, Diplomatico Malaspina, Spoglio 100.Copia della pianta dei confini fra il Serenissimo Senato di Genova e l'Illustrissimo Signor Marchese di Fosdinovo data in Camera l'anno 1587 (ca. 1625), Archivio di Stato di Genova, Raccolta dei Tipi, disegni e mappe, Fondi cartografici originari, Mappe e tipi della Repubblica di Genova, Miscellanea di carte non riconducibili all'ordinamento originario, n. 33.Archivio di Stato di Lucca, Diplomatico Arnolfini.Archivio di Stato di Lucca, San Frediano. BALDASSARRI ANDREAZZOLI 2005: M. Baldassarri – F. Andreazzoli, Per l’archeologia dell’Abbazia di San Venanzio di Ceparana: dalla prima analisi ad un progetto per il futuro, in «Giornale Storico della Lunigiana», LVI, pp. 233–254.BALDASSARRI ANDREAZZOLI 2007: M. Baldassarri – F. Andreazzoli, Fosdinovo (MS). Per la Carta Archeologica comunale: le ricognizioni di superficie 2005-2006, in «Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, 2» (2006), pp. 6–12. BALUZE 1761: É. Baluze, Stephani Baluzii ... Miscellanea novo ordine digesta et non paucis ineditis monumentis opportunisque animadversionibus aucta. Opera ac studio Joannis Dominici Mansi, 4 vols., Apud V. Junctinium 1761-1764 BASSI 1927: S. Bassi, Il castello e l’abbazia dell’Aulla nella storia della Lunigiana, Aulla.BERNOLDUS: Bernoldi, Chronicon, in Monumenta Germaniae Historica Scriptores, V, ed. G. H. Pertz, Hannoverae, 1844, pp. 385–467.BERTOZZI 1989: M. Bertozzi, Pieve di s. Andrea Apostolo di Carrara, in Massa Carrara. Pievi e territorio della Provincia, a cura di A. C. Ambrosi, M. Bertozzi e G. Manfredi, Pisa, pp. 43–66.BONATTI 1984: F. Bonatti (a cura di), Ceparana storia e tradizioni, Pisa 1984.BONATTI 1986: F. Bonatti, Vicende storiche dell’abbazia di San Venanzio di Ceparana nel secolo XV, in Società civile e società religiosa in Lunigiana e nel vicino Appennino dal IX al XV secolo, Atti del Convegno (Aulla 1984), Aulla, pp. 47-60.BONATTI RATTI 1991: F. Bonatti e M. Ratti, Sarzana, GenovaBROOK PAVONI1984: L.L. Brook e R. Pavoni, Tavola XXVI. Obertenghi di Massa e Parodi, in Genealogie medievali di Sardegna, Cagliari-Sassari.BUSELLI 1972: F. Buselli, S. Andrea Apostolo duomo di Carrara, Genova.BÖHMER 1931: J.F. Böhmer, Regesta chronologico-diplomatica regum atque imperatorum Romanorum inde a Conrado I. usque ad Henricum VII. Die Urkunden der römischen Könige und Kaiser von Conrad I. bis Heinrich VII. (911 - 1313) in kurzen Auszügen mit Nachweisung der Bücher, wo solche abgedruckt sind, Frankfurt a. M.CALLERI 1997: M. Calleri (a cura di), Le carte del monastero di San Siro di Genova (952 - 1224), Genova.CALLERI 2003, Calleri M. (a cura di), Codice diplomatico del monastero di Santo Stefano di Genova (965-1200), Genova.CAPPELLI 1988: A. Cappelli, Cronologia, cronografia e calendario perpetuo dal principio dell'era cristiana ai nostri giorni, 6a ed., Milano 1988.CASTELMUR 1978: L. de Castelmur, Rodolfo de Castelmur e la Valle Bregaglia: Editto di Federico I Barbarossa del 12 maggio 1179, in "Quaderni grigionitaliani", 47, pp. 7-16.CAVALLI GHERARDI 1975-1976: R. Cavalli Gherardi, L’Abbazia di Ceparana in base alle fonti documentarie,in “Giornale Storico della Lunigiana”, n.s., XXVI-XXVII, 1-4, pp. 230-240.COLOMBINI 2010: G. Colombini, Il primo monastero cistercense della diocesi di Pisa: Santa Croce alla foce dell’Arno e San Bernardo in Carraiola (XIII-XIV secolo), in «Bollettino Storico Pisano», LXXIX (2010), pp. 207–227.CONTIP 1963: P.M. Conti, Il castrum, il burgus e le due pievi di Sarzana, in "Memorie dell’Accademia Lunigianese di Scienze e Lettere ‘G. Capellini’" , XXXIV, pp. 3–26.CONTIP 1867: P.M. Conti, Luni nell’alto medioevo, Padova CONTI 1960: M.N. Conti, Gli statuti quattrocenteschi di Nicola, in “Memorie dell’Accademia Lunigianese di Scienze e Lettere ‘G. Capellini’”, XXXI, pp. 183–284.CONTI 1976: M.N. Conti, Degli ospedali di Monte Forca e “in capite paludis” in Lunigiana, in "Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Province Modenesi", s. 10ª, XI, pp. 101–110CONTI 1978-1988: M.N. Conti (a cura di), Corpus statutorum lunigianensium, 3 voll., La SpeziaCONTI 1988: M.N. Conti, Le carte anteriori al 1400 nell’archivio malaspiniano di Caniparola nel repertorio del 1760, Pontremoli.COTURRI 1974: E. Coturri, La canonica di S. Frediano a Lucca dalla prima istituzione (metà del sec. XI) alla unione alla congregazione riformata di Fregionaia (1517), pp. 47-80.DADA 2012: M. Dadà,Archeologia dei monasteri in Lunigiana. Documenti e cultura materiale degli enti monastici della diocesi di Luni dalle origini al XII secolo, Pisa 2012. DALL'AGLIO 1966: I. Dall’Aglio, La diocesi di Parma, Parma 1966.FALCO PISTARINO 1955: G. Falco e G. Pistarino, Il cartulario di Giovanni di Giona di Portovenere (sec. XIII), Depultazione Subalpina di Storia Patria, CLXXVII, Torino.FALCO 1916: G. Falco (a cura di),Le carte del monastero del Tino, I (1050-1220), Pinerolo.FERRARI 1912: M. Ferrari, L'origine di Castelnuovo Magra, Barga.FERRETTO 1901: A. Ferretto, Codice diplomatico delle relazioni tra la Liguria, la Toscana e la Lunigiana ai tempi di Dante, in “Atti della Società Ligure di Storia Patria”, XXXI, fascicoli I e II (1901, 1903).FERRETTO 1909: A. Ferretto, Documenti genovesi di Novi e Valle Scrivia in “Bollettino Storico Bibliografico Subalpino”, LI, LII.L. A. Muratori a cura di), Guido Da Vallecchia, ‘Historiae Pisanae fragmenta’, in Rerum italicarum Scriptores, XXIV, Mediolani 1738, coll.***FORMENTINI 1922: U. Formentini, Una podesteria consortile nei secoli XII e XIII (Le terre dei Bianchi), in «Giornale Storico della Lunigiana», XII, pp. 195-224.FORMENTINI_1936: U. Formentini, Micaur–a (Georg.Cyprii 533), in Atti del V Congresso Internazionale di Studi Bizantini, Roma pp. 167-175.FORMENTINI_1949: U. Formentini, Le tre pievi del Massese e le origini della città di Massa, in "Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Province Modenesi", s. 8ª, II (1949) FORMENTINI 1951: U. Formentini, Sarzana (dalla pieve alla Polis), in "Giornale Storico della Lunigiana, n.s., II, pp. 1–11.FORMENTINI 1953: U. Formentini, La "plebs civitatis" e il capitolo dei canonici della cattedrale di Luni, in "Giornale Storico della Lunigiana, n.s. IV, pp. 1–9.FORMENTINI 1954: U. Formentini, La pieve di Santo Stefano, in "Giornale Storico della Lunigiana", n.s., V, p. ***. FORMENTINI 1955: U. Formentini, Aspetti della storia d’Aulla secondo nuove indagini archeologiche, linguistiche e storico-politiche, in "Giornale Storico della Lunigiana", n.s. VI, pp. 109-***FORMENTINI 1970: U. Formentini, La pieve di Soliera, in «Giornale Storico della Lunigiana e del territorio lucense», n.s., XXI, pp. 5–19 (postumo).FRANCHI LALLAI 2000: G. Franchi e M. Lallai, Da Luni a Massa Carrara - Pontremoli. Il divenire di una diocesi fra Toscana e Liguria dal IV al XXI secolo , 3 voll., Modena-Massa.FREGGIA 1989: E. Freggia (a cura di),I documenti dell’Archivio Capitolare di Sarzana dal 1095 al 1776, La Spezia. GARZELLA 1991: G. Garzella, Pisa com’era. Topografia e insediamento dall’impianto tardoantico alla città murata del secolo XII, Napoli 1991GENTILI 2000: E. Gentili, Falcinello. Origini, sviluppo e decadenza di un piccolo comune della Lunigiana, Agorà.HPM CHARTARUM: Historiae Patriae Monumenta, Chartarum, Torino 1853.HÜBNER 1893: R. Hübner, Gerichtsurkunden der fränkischen Zeit. 2., in «Zeitschrift der Savigny-Stiftung für Rechtsgeschichte: Germanistische Abteilung», 14, Deskriptoren: Italien, Frühmittelalter, Hochmittelalter, Urkunden und Regesten.LEVEROTTI 1974: F. Leverotti, L’estimo di Massa Lunense (1398-1401), tesi di laurea, Università degli Studi di Pisa, Dipartimento di Medievistica, a.a. 1973-1974. LEVEROTTI 1982: F. Leverotti, Massa di Lunigiana alla fine del Trecento. Ambiente, insediamenti, paesaggio, Pisa 1982LIBRI_IURIUM: I libri Iurium della Repubblica di Genova. 1. Antonella Rovere and Dino Puncuh (eds.), I libri Iurium della Repubblica di Genova. Introduzione, (Roma, 1992). I.1. Antonella Rovere, I libri Iurium della Repubblica di Genova, (Ministero per i beni culturali e ambientali - Ufficio centrale per i beni archivistici: Roma, 1992) I.2 Dino Puncuh (ed.), I libri iurium della Repubblica di Genova, (Genova, 1996), I-2. I.4 Sabina Dellacasa (ed.), I libri Iurium della Repubblica di Genova, (Ministero per i beni culturali e ambientali - Ufficio centrale per i beni archivistici: Roma, 1998) I.3 Dino Puncuh (ed.), I libri iurium della Repubblica di Genova, (Genova, 1998), I-3. I.5 Elisabetta Madia (ed.), I libri Iurium della Repubblica di Genova, (Ministero per i beni culturali e ambientali - Ufficio centrale per i beni archivistici: Roma, 1999), I-5. I.6 Maria Bibolini (ed.), I libri Iurium della Repubblica di Genova, (Ministero per i beni culturali e ambientali - Ufficio centrale per i beni archivistici: Roma, 2000).LUPO GENTILE 1910: M. Lupo Gentile, Le origini del comune di Carrara, in «Giornale storico della Lunigiana», 11.LUPO GENTILE 1912M. Lupo Gentile, Il regesto del codice Pelavicino, in «Atti della Società Ligure di Storia Patria», XLIV.LUSUARDI SIENA 2003: S. Lusuardi Siena, Gli scavi nella Cattedrale di Luni nel quadro della topografa cittadina tra tarda antichità e medioevo, in Roma e la Liguria marittima: secoli IV-X. La capitale cristiana e una regione di confine , Genova - Bordighera, pp. 195–202. LÜNIG 1725: J.C. Lünig (a cura di), Codex Italiae Diplomaticus, Francoforte - Lipsia.MANFREDI 1989: G. Manfredi, Pieve di Soliera, in Massa Carrara. Pievi e territorio della Provincia, a cura di A.C. Ambrosi, M. Bertozzi e G. Manfredi, Pisa, p. 135 e ss.MANSI BARSOCCHINI 1836: G.D. Mansi e D. Barsocchini, Diario sacro delle chiese di Lucca di mons. Giovan Domenico Mansi, accomodato all’uso dei tempi presenti ed accresciuto di molte notizie del nostro paese dall’ab. D. Barsocchini, Firenze.MAZZINI 1909: U. Mazzini, Il monastero di Santa Croce del Corvo, in Dante e la Lunigiana. Nel sesto centenario della venuta del Poeta in Val di Magra MCCVI-MDCCCCVI, a cura di U. Mazzini, Milano, pp. 208–231.MAZZINI1914: U. Mazzini, Correzioni critiche di alcune date del Regesto del Codice Pelavicino, Genova.Constitutiones et acta publica imperatorum et regum inde ab a. MCCXCVIII usque ad a. MCCCXIII (1298-1313), ed. J. Schwalm, 2 vols, Hannoverae, Lipsiae, 1906-1908.MGH DD FI: >Die Urkunden Friedrichs I (Friderici I diplomata) 1181-1190 , eds. H. Appelt, Hannover 1975-1990 MGH DD HIII: Die Urkunden Heinrichs III (Heinrici III. Diplomata), eds. Harry Bresslau e Paul Fridolin Kehr, in Monumenta Germaniae Historica. Diplomata, V, Berlin 1931.Ex gestis Henrici II. et Ricardi I., ed. F. Liebermann, in Monumenta Germaniae Historica. Scriptores, XXVII, Hannoverae 1885, pp. 81–132. MONTORZI 1991: M. Montorzi, Diritto feudale nel basso medioevo, Torino.MURATORI 1738: L. A. Muratori, Antiquitates Italicae medi aevii, Mediolani, 1738-1742.MURATORI 1773: L. A. Muratori, Delle antichità estensi, Modena 1773-1780.MUSSI 1946: L. Mussi, L’abbazia benedettina di S. Caprasio di Aulla , Aulla.MUSSI 1946: L. Mussi, L’abbazia benedettina di S. Caprasio di Aulla , Aulla. NOBILI 1985: M. Nobili, L'abbazia di Polirone e le famiglie signorili lunigianesi, in L'Italia nel quadro della espansione europea del monachesimo cluniacense. Atti del convegno internazionale di storia medievale (Pescia, 26-28 novembre 1981), Cesena, pp. 173-186; ora anche in NOBILI 2006, pp. 385-407.NOBILI 1987: M. Nobili, Signorie e comunità nella Lunigiana orientale fra XII e XIII secolo, in Alle origini della Lunigiana moderna. Settimo centenario della redazione del Codice Pelavicino (1287-1987). Atti del convegno, La Spezia 1990, pp. 63-90 - numero monografico di «Memorie dell'Accademia di Scienze e Lettere 'G. Capellini'», LVII-LVIII (1987-88); ora anche in NOBILI 2006, pp. ***.NOBILI 1992:M. Nobili, I signori di Buggiano in Lunigiana, in Signori e feudatari nella Valdinievole dal X al XII secolo. Atti del convegno, Buggiano, pp. 133–155, ora anche in NOBILI 2006, pp. ***.NOBILI 1997:M. Nobili, Le signorie territoriali degli Obertenghi in Lunigiana, in La signoria rurale nel medioevo italiano, I, a cura di A. Spicciani e C. Violante, Pisa, pp. 19-37; ora anche in NOBILI 2006, pp. ***.NOBILI 2001: M. Nobili, Il termine capitanei in due documenti lunigianesi degli inizi dei secoli XII e XIII, in La vassallità maggiore nel Regno Italico: l'ordo feudale dei capitanei (secoli XI-XII). Atti del convegno, a cura di A. Castagnetti, Verona, pp. 285-299; ora anche in NOBILI 2006, pp. ***.NOBILI 2005: M. Nobili, Le 'malae consuetudines' in Lunigiana: il documento del vescovo Eriberto per gli 'homines' di Trebbiano del 4 novembre 1039, in «Memorie dell’Accademia Lunigianese di Scienze e Lettere 'G. Capellini'», LXXV, 129-138.NOBILI 2006: M. Nobili, Gli Obertenghi e altri saggi, Spoleto.NOBILI 2009: M. Nobili, La liberazione di un gruppo di rustici della Chiesa di Luni a Carrara alla metà del Duecento, in «Atti e memorie della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi», ser. 11, 31, pp. 31-42.NOCCHI FORZANI 1970: B. Nocchi Forzani, Il borgo scomparso di Volpiglione, in «Giornale Storico della Lunigiana e del territorio lucense», XXI, pp. 166–170.PAVONI1987: R. Pavoni, La signoria del vescovo di Luni, in «Memorie dell’Accademia Lunigianese di Scienze e Lettere ‘G. Capellini’», LVII–LVIII (1987-1988), pp. 29–59. PAVONI 1999: R. Pavoni, Ameglia: i vescovi di Luni, i vicedomini, i Doria e il Comune di Genova, in Ameglia e il suo territorio nel Medioevo. Atti della giornata di studio, numero monografico del «Giornale storico della Lunigiana e del territorio lucense», n.s., XLIII-XLV (1992-1994), La Spezia, pp. 9-170.PENNOTTO 1623: G. Pennotto, Historia tripartita sacri ordini Clericorum Canonicorum, Romae.PETTI BALBI 1978: G. Petti Balbi, I signori di Vezzano in Lunigiana (secoli XI-XIII), in «Giornale Storico della Lunigiana e del territorio lucense», n.s. XXVIII-XIX (1977-1978), p. 5–75PIEROTTI 1972: P. Pierotti, Urbanistica: storia e prassi, Firenze PISTARINO 1942: G. Pistarino, Un crittogramma nel Codice Pelavicino dell’Archivio Capitolare di Sarzana, in «Giornale Storico e Letterario della Liguria», XVIII-3/4, pp. 186-187.PISTARINO 1944: G. Pistarino, Le carte del monastero di San Venerio del Tino relative alla Corsica (1080-1500), Deputazione Subalpina di Storia Patria, CLXX, Torino.PISTARINO 1950: G. Pistarino, Le carte del monastero di San Venanzio di Ceparana (1185-1441), in «Giornale Storico della Lunigiana»”, n. s., I.3/4, luglio-dicembre 1950, pp. 34-37; II.1/2, gennaio-giugno 1951, pp. 12-13; II.3/4, luglio-dicembre 1951, pp. 31-32; III.1/2, gennaio-giugno 1952, pp. 10-11; III.3/4, luglio-dicembre 1952, pp. 24-28; IV.1/2, gennaio-giugno 1953, pp. 9-11; IV.3/4, luglio-dicembre 1953, pp. 29-31 (ediz. separata, La Spezia, 1951).PISTARINO 1953: G. Pistarino, Il crittogramma del Codice Pelavicino, in «Giornale Storico della Lunigiana» n. s., IV.3/4, p. 29.PISTARINO 1955; G. Pistarino, L’ultimo documento di San Caprasio di Aulla, in «Giornale Storico della Lunigiana», n. s., VI.2, pp. 48-50.PISTARINO 1956: G. Pistarino, Il problema del “Liber instrumentorum” di Saladino “de castro Sarzane”, in «Giornale Storico della Lunigiana», n. s., VII.1/1, pp. 42-43.PISTARINO 1957: G. Pistarino, Gli scrittori del Codice Lunense (Pelavicino), in «Bollettino Ligustico», IX, pp. 3-20.PISTARINO_1958a: G. Pistarino, Una fonte medievale falsa e il suo presunto autore: Saladino “de castro Sarzane” e Alfonso Ceccarelli, Università di Genova, Istituto di Storia Medievale e Moderna, Fonti e Studi, II, Genova.PISTARINO 1958b: G. Pistarino, Le carte portoveneresi di Tealdo “de Sigestro” (1258-59), Notai Liguri dei secoli XII e XIII, VII, Genova.PISTARINO 1961a: G. Pistarino, Le pievi della diocesi di Luni, parte I, C.S.L.O., II, Bordighera - La Spezia.PISTARINO 1961b: G. Pistarino, Tre lettere sulle origini di Sarzana, in “Bollettino Ligustico per la Storia e la Cultura Regionale”, XIII.3/4, pp. 169-174.PISTARINO 1963: G. Pistarino, Il Codice Pelavicino, il “Registrum Vetus” e gli antichi statuti di Sarzana e di Sarzanello, in «Giornale Storico della Lunigiana e del Territorio Lucense», n. s., XIV.1/4,1963, pp. 81-91.PISTARINO 1965: G. Pistarino, Il “Registrum Vetus” del Comune di Sarzana, Università di Genova, Istituto di Paleografia e Storia Medievale, Istituto di Storia Moderna e Contemporanea, Fonti e Studi, VIII, Sarzana.PISTARINO1983: G. Pistarino, Insediamenti medievali in Lunigiana : il monastero di Aulla, in Studi dedicati a Carmelo Trasselli, Messina, pp. 517–532.PISTARINO 1986: G. Pistarino, Medioevo ad Aulla , in Società civile e società religiosa in Lunigiana e nel vicino Appennino dal IX al XV secolo. Atti del convegno, Sarzana, pp. 93–132.PISTARINO 1990: G. Pistarino, Per una nuova edizione del Codice Pelavicino, in Alle origini della Lunigiana moderna. Settimo centenario della redazione del Codice Pelavicino (1287-1987). Atti del convegno, La Spezia, pp. 9-18.PODESTÀ 1895: L. Podestà, I vescovi di Luni dall'anno 895 al 1289. Studi sul Codice Pelavicino nell'Archivio Capitolare di Sarzana, in «Atti e Memorie della Reale Deputazione di Storia Patria per le Province Modenesi», s. 6,, pp. 5-131POGGI 1957: A.G. Poggi, Le terre di San Leonardo “de Frigido” , in "Giornale Storico della Lunigiana", n.s. VIII (1957). POLONIO 1979:V. Polonio, Bolano.San Venanzio di Ceparana, in Liguria monastica. Italia benedettina II, Cesena, p. 54.POLONIO 2002: V. Polonio, Istituzioni ecclesiastiche della Liguria medievale, Roma 2002.QUIRÓS CASTILLO 2000: J.A. Quirós Castillo, L’ospedale di Tea e l’archeologia delle strade nella valle del Serchio, Firenze 2000.REPETTI 1846: E. Repetti, Dizionario geografico, fisico, storico della Toscana contenente la descrizione di tutti i luoghi del Granducato di Lucca, Garfagnana e Lunigiana, Firenze 1833-1846.RICCIG 1986: G. Ricci, I possessi dell’abbazia di S. Caprasio dell’Aulla , in Società civile e società religiosa in Lunigiana e nel vicino Appennino dal IX al XV secolo. Atti del convegno, Sarzana, pp. 183-190.G. Ricci, Aulla e il suo territorio attraverso secoli. I: dalla preistoria al Quattrocento, Aulla 1989).RICCIG 1989: G. Ricci, Nuove fonti per la storia ecclesiastica della Lunigiana. Un registro della Pieve di Soliera, in "Giornale Storico della Lunigiana e del territorio lucense", n.s. XL, pp. 51–58. RICCI 2012: R. Ricci, Medioevo senza città: la società medievale carrarese (secoli XII-XIII), Carrara.Regesta Imperii, V. Die Regesten des Kaiserreiches, ed. Johann Friedrich Böhmer, J. Ficker e E. Winkelmann, Innsbruck, 1881-1882.SALVATORI 2001a: E. Salvatori, Presenze ospedaliere in Lunigiana, in Riviera di Levante tra Emilia e Toscana: un crocevia per l’ordine di San Giovanni. Atti del convegno, Genova 2001, pp. 189–222. SALVATORI 2001b: E. Salvatori, La Francigena nella Lunigiana medievale: una strada da percorrere?, in Studi sull’Emilia occidentale nel Medioevo, a cura di R. Greci, Bologna, pp. 177–203. SALVATORI 2007: E. Salvatori, Poteri locali e popolamento in Lunigiana tra XII e XIII secolo, in Da Luni a Sarzana 1204 - 2004. Ottavo Centenario della Traslazione della Sede Vescovile (Sarzana 30 Settembre - 2 Ottobre 2004), Roma, pp. 255–272.SCHIAVI 1940: A. Schiavi, La diocesi di Parma, Trieste 1940.SCHIEFFER 2001: R. Schieffer, Graf Heinrich II. von Diez, in Italia et Germania: Liber Amicorum Arnold Esch, a cura di H. Keller, W. Paravicini e W. Schieder, Walter de Gruyter, pp. 425–438. SCHWARTZ 1913: G. Schwartz, Die Besetzung der Bistümer Reichsitaliens unter den sächsischen und salischen Kaisern mit den Listen der Bischöfe, 951-1122, Leipzig-Berlin.SFORZA 1867: G. Sforza, Memorie storiche di Montignoso, Lucca 1867, ristampa anastatica, Modena.SFORZA 1878: G. Sforza, La stazione romana “ad taberna frigida” e lo spedale di S. Leonardo al Frigido, testo del 1878 presso la Biblioteca Civica della SpeziaSFORZA 1890-1891: G. Sforza, Castruccio Castracani degli Antelminelli , in «Atti e memorie delle RR. Deputazioni di Storia Patria per le Provincie Modenesi e Parmensi», serie III, vol. VI, parte II, pp. 300-572.SFORZA 1894: G. Sforza, Enrico, vescovo di Luni, e il Codice Pelavicino dell'Archivio Capitolare di Sarzana, in «Archivio Storico Italiano», s. 5ª, XIII, pp. 81-88.SFORZA 1902: G. Sforza, La vendita di Portovenere a Genova e i primi signori di Vezzano, in «Giornale Storico e Letterario della Liguria», n.s., III (1902), pp. 338–368.SIMONSFELD 1905: Urkunden Friedrich Rotbarts in Italien, von H. Simonsfeld, in «Sitzungberichten dr philos.-philol. und der histor. Klasse der Kgl. Bayer Akademie der Wissenschaften», Heft 5, 1905, pp. 711-748STIAFFINI 1983: D. Stiaffini, La chiesa e il monastero di S. Paolo a Ripa d’Arno di Pisa, in «Rivista dell’Istituto Nazionale d’archeologia e storia dell’arte», ser.3,6-7 (1983), pp. 237–284.STUMPF BRENTANO 1865: K.F. Stumpf-Brentano (a cura di), Acta imperii inde ab Heinrico 1. ad Heinricum 6. usque adhuc inedita: Urkunden des Kaiserreichs aus dem 10., 11. und 12. Jahrhundert, erstmals herausgegeben, Innsbruck, 1865-1881.UGHELLI 1644: F. Ughelli, Italia sacra sive de episcopis Italiae et insularum adiacentium rebusque ab iis preclare gestis, I, Roma.UGHELLI 1717: F. Ughelli, Italia sacra sive de episcopis Italiae et insularum adiacentium rebusque ab iis preclare gestis, a cura di N. Coleti, Venezia 1717-1722.VECCHI 1986: E. M. Vecchi, La chiesa di San Venerio in Antoniano, in S. Venerio del Tino: vita religiosa e civile tra isole e terraferma in età medievale. Atti del Convegno, La Spezia-Sarzana, pp. 249–308.VECCHI 2003: E. Vecchi, Contributo all’archeologia cristiana nella diocesi di Luni. Frammenti marmorei di reimpiego a San Venanzio di Ceparana, in «Giornale Storico della Lunigiana», n.s. LIV, pp. 117-160.VECCHI 2011: E. M. Vecchi, «Ad pacem et veram et perpetuam concordiam devenerunt». Il cartulario del notaio Giovanni di Parente di Stupio e l’instrumentum pacis del 1306, in Il nostro Dante, il Dante di tutti. 1306-2006. Atti del convegno, num. monografico del «Giornale Storico della Lunigiana», LIX (2008), Pisa, pp. 69–194.ZOPPI 2008: A. Zoppi, Due documenti inediti per servire alla storia di Nicola di Val di Magra, in «Studi Lunigianesi», XXXVII-XXXIX (2008-2009), pp. 89–96.
Codice Pelavicino
DIGITAL
LANGUAGES:
ENGFRITAGER
THUMBSREGESTO
THUMBSMAGNIFIERMS_DESC
0%
REGESTO
ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ
SEARCHLISTS
Powered by EVT