Descrizione codicologica

Il volume è rilegato in pelle con piatti in legno (360 * 255 * 5mm); il fondello presenta cinque nervature; la chiusura è data da una correggia con fibbia in metallo di cui non è stata ancora ipotizzata una data di fabbricazione. La guardia anteriore è formata da due fogli di carta relativi al restauro del 1984, operato presso l’Istituto centrale per la patologia del libro “Alfonso Gallo” di Roma (ACS Corrispondenza 1982-1987, n.6). Seguono 5 fogli di carta (10 cc.) con una fine vergellatura e filigrana a mezzaluna, simile a BRIQUET 1923 n. 5261 e databile alla seconda metà XVI-inizio XVII secolo. La risguardia è di un foglio di carta di epoca recente incollato sulla coperta.

La guardia posteriore è formata da due fogli di carta recente e la risguardia da un foglio di carta recente incollato alla coperta. Precedono tre fogli di carta identici a quelli della guardia anteriore (6 cc.) recanti  la medesima filigrana, a loro volta preceduti da un foglio membranaceo di formato irregolare recante un crittogramma del secolo XVI (PISTARINO 1953) numerato a matita 426. I fogli cartacei del XVI-XVII secolo misurano 475 * 335 mm.

Il codice  conta 37 senioni – fascicoli di 6 fogli / 12 carte –  così composti:

Numerazione nuovaNumerazione nel CodiceFogli/carteNoteContenuto
1senza numerazione4 ff./8 cc.
1r-8v
perduti due fogli corrispondenti alle cc. 2, 3 con salto di numerazione dell’indice
del codice dal LXXXXVI al CCLXXVIIII) e alle cc. 10, 11. Qui nessun salto percepibile
nel testo.   rimando: In Dei nomine: el primo
Indice del Liber Iurium;
Memoria cartarum Lunensis curie
2<I>6 ff./12 cc.
9r-20v
incipit: In Dei nominerimando: In Carrarialiber magister
3II6 ff./12 cc.
21r-32v
incipit: In Carrariarimando: Dominus Guillelmusliber magister
4III6 ff./12 cc.
33r-44v
incipit: Dominus Guillelmusrimando: Perentinus et fratresliber magister
5<IIII>6 ff./12 cc.
45r-56v
incipit: Perentinus et fratresrimando: In Dei nomine amen: el secondoliber magister e altri documenti
6I6 ff./12 cc.
57r-68v
incipit: In Dei nomine amenrimando: In nomine sancte et individueliber iurium
7II6 ff./12 cc.
69r-80v
incipit: In nomine sancte et individuerimando: Beatrixliber iurium
8III6 ff./12 cc.
81r-92v
incipit: Beatrixrimando: Vilunnusliber iurium
9IIII6 ff./12 cc.
93r-104v
incipit: Vilunciusrimando: Iacopinusliber iurium
10V6 ff./ 12 cc.
105r-116v
incipit: Iacopinusrimando: In nomine Domini Dei: el terzoliber iurium
11VI6 ff./12 cc.
117r-128v
incipit: In nomine Domini Dei: el terzorimando: mancaliber iurium
12VII6 ff./12 cc.
129v-140v
incipit: secundo concessa
rimando: Ex omni ordine
liber iurium
13VIII6 ff./12 cc.
141r-152v
incipit: ex omni ordinerimando: Ab episcopoliber iurium
14VIIII6 ff./12 cc.
153r-164v
incipt: ab episcoporimando: Item iuro non ducereliber iurium
15X6 ff./12 cc.
165r-176v
incipit: Item iuro non ducererimando: Accipiatliber iurium
16XI6 ff./12 cc.
177r-188v
incipit: accipiatrimando: Potestati vel consulibusliber iurium
17XII6 ff./12 cc.
189r-200v
incipit: potestati vel consulibusrimando: Moneretliber iurium
18XIII6 ff./12 cc.
201r-212v
incipit: moneretrimando: Quam penamliber iurium
19XIIII6 ff./12 cc.
213r-224v
incipit: Quam penamrimando: In Christi nomine: el quartoliber iurium
20XV6 ff./12 cc.
225r-236v
incipit: In Christi nomine rimando: De liteliber iurium
21XVI6 ff./12 cc.
237r-248v
incipit: De liteNota: Hic defitiunt quatuor quinterni, qui perpere ablati fuerunt.liber iurium
22<XXI>6 ff./12 cc.
249r-260v
incipit: non inquietare
rimando: In Dei nomine: el quinto
liber iurium
23<XXII>6 ff./12 cc.
261r-272v
incipit: In Dei nomine
rimando: Ut aliquorum
liber iurium
24XXIII6 ff./12 cc.
273r-284v
incipit: vel aliquorumrimando: In Dei nomine: el sextoliber iurium
25<XXIIII>6 ff./12 cc.
285r-296v
incipit: In Dei nomine
rimando: Seu eidem domino episcopo
liber iurium
26XXV6 ff./12 cc.
297r-308v
incipit: Seu eidem domino episcoporimando: Albizello de Vezaleliber iurium
27XXVI6 ff./12 cc.
309r-320v
incipit: Albizello de Vezalerimando: In (n)omine Domini amen: el septimoliber iurium
28XXVII6 ff./12 cc.
321r-332v
incipit: In nomine Domini amen: el septimorimando: In Dei nomine amen: lo optavoliber iurium
29<XXVIII>6 ff./12 cc.
333r-344v
incipit: In Dei nomine amen
  rimando: et mixto imperio
liber iurium
30XXIX6 ff./12 cc.
345r-357v
incipit: et mixto imperio   rimando: In Dei omnipotentis nomine: el nonoliber iurium
31<XXX>6 ff./12 cc.
358r-369v
incipit: In Dei omnipotentis nomine
  rimando: In Christi nomine amen: el decimo
liber iurium
32XXXI6 ff./12 cc.
370r-380v
incipit: In Christi nomine amen   rimando: mobilia et immobilialiber iurium
33<XXXII>6 ff./12 cc.
381r-392v
incipit: mobilia et immobilia   rimando: Innocentius servus servorum Deiliber iurium
34<XXXIII>6 ff./12 cc.
393r-404v
incipit: Innocentius servus servorum Dei   rimando: In nomine patrisliber iurium
35senza numerazione2 ff./4 cc.
405r-408v
incipit: In nomine patris   chiusura del Liber Iurium con la sottoscrizione di maestro Egidio rimando mancanteliber iurium
36<XVII>3 ff./6 cc.
409r-414v
mutilo; pagine centrali del fascicolo XVII   incipit: In nomine Domini amen rimando mancanteliber iurium
37senza numerazione6 ff./ 11 cc.
415r-425v
mutilo; manca la prima carta   incipit: In nomine Domini amenlibellus

Molti fascicoli presentano la segnatura a fondo pagina in numeri romani in cifre o in lettere.

Il 1° fascicolo è privo di indicazioni che ne stabiliscano la posizione nel codice; il 2°  non presenta indicazioni, ma originariamente possedeva probabilmente la segnatura I(us) scomparsa in seguito alla rifilatura; il 3° e il 4° presentano nel margine inferiore, nel verso dell’ultima carta, II(us) e III(us) in inchiosto nero; il 5°  fascicolo non presenta indicazioni, ma  possedeva probabilmente la numerazione IIII(us), scomparsa in seguito alla rifilatura.

La numerazione dei 6° al 20° è in inchiostro rosso, a cui segue dal 21 in poi una numerazione in inchiostro nero. Il 21° fascicolo (XVI) presenta una nota, probabilmente della medesima mano che ha numerato i fascicoli del liber iurium, in cui si avverte di una lacuna: hic deficiunt quatuor quinterni (in realtà sesterni) qui perpere ablati fuerunt. A questo  una mano più tarda ha aggiunto: in quibus continebantur instrumenta n(umer)o 58 ut colligitur ex rubrica precedente 158 et seguente 217, utcumque cartarum sive foliorum series continuato numero currat. Vide retro carta 201 a t(ergo) in margine. Vide etiam ante carta 401 postposita quedam instrum<enta>. Effettivamente si registra un salto nella numerazione interna dei documenti del liber da CLVIIII a CCXVII. La numerazione del fascicolo seguente (il 22°) non è visibile così come quella successiva (23°). Dato tuttavia che la numerazione dei documenti presenti all’inizio del fascicolo 22° prosegue senza salti e che il fascicolo 24° presenta il numero XXIII, se ne deduce che i fascicoli 22° e 23° recassero originariamente la numerazione XXI e XXII. La lacuna riguarda quindi i fascicoli un tempo contrassegnati dai numeri XVII – XX. Il 35° fascicolo non è numerato e reca in calce la chiusura del liber iurium con la sottoscrizione di maestro Egidio. Seguono i tre fogli centrali (6 cc.) di uno dei fascicoli mancanti, quasi certamente il XVII della primitiva redazione. Segue l’ultimo fascicolo (il 37°) composto di 6 fogli (11 carte di cui la prima mancante) e contenente una altra versione del liber magister.

Le carte dei fascicoli dal 1° al 36° misurano 345 * 245 mm, ma presentano mozzature e rifilature; il 37° fascicolo ha dimensioni maggiori 345 * 255 mm, ritagliato irregolarmente nel margine inferiore.

I fogli di pergamena sono collocati dorso contro dorso e interno contro interno.